Naxos


Quest’anno abbiamo deciso di fare le nostre vacanze nell’isola di Naxos una delle maggiori isole delle Cicladi scegliendo non il classico tour operator ma affidandoci ad Internet.
All’inizio di Marzo ci siamo mossi prevedendo il periodo dal 3 al 17 luglio ( le occasioni sono maggiori e la disponibilità degli alberghi è ancora alta) collegandoci con il sito www.booking.com che è uno dei maggiori siti mondiali per prenotazioni (le pagine sono anche in italiano dove puoi vedere la disponibilità in tempo reale, le foto dell’albergo, le foto delle camere, la posizione con google earth, le recensioni dei visitatori che sono utilissime e un rating dato in base alle segnalazioni dei clienti). Abbiamo smanettato per quasi tre ore per vedere che le “accomodation” fossero di nostro gusto ed infine abbiamo scelto, tenendo conto che a Naxos non c’è un aeroporto per i voli internazionali (ne esiste uno piccolo per le rotte interne greche), di atterrare a Santorini (l’alternativa è Mikonos) e da qui prendere un traghetto per Naxos.
Abbiamo prenotato all’ Anatoli Hotel a Naxos e al Galatia Villas a Thira Santorini. Per il volo ci siamo collegati al sito www.espedia.it (un sito specializzato per prenotazioni) per vedere la disponibilità ed il costo; il volo effettuato dall’Eurofly era prenotabile con partenza da Milano Malpensa alle 17.30. Abbiamo fatto una prova sul sito dell’Eurofly (consociata con Meridiana) e abbiamo notato con stupore che il costo dello stesso volo era superiore a quello proposto da expedia. Misteri del mercato!
Per prenotare i traghetti non c’era problema come ci ha detto in una mail il proprietario del Galatia.
Per toglierci un dubbio abbiamo voluto vedere quanto avevamo risparmiato con il “fai da te” e ci siamo collegati con alcuni siti dei tour operators informandoci anche da alcune agenzie di viaggio. A conti fatti abbiamo risparmiato circa il 50% !!!
Siamo arrivati in albergo a Santorini alle 22.00 e dopo esserci sistemati provvisoriamente in questo piccolo hotel (una villa è il termine adatto) bello e accogliente grazie anche a John (greco dalla testa ai piedi) ed alla sua cura per il particolare siamo andati a prenotare i biglietti del traghetto in una delle numerose agenzie di viaggio di Thira.
L’indomani abbiamo chiamato un taxi e ci siamo fatti portare al porto ad Athinios che dista circa 12 km.
Siamo arrivati alle 15.00 circa e con il taxi ci siamo fatti portare all’Anatoli (a circa 15 minuti dal centro costruito da poco buono nel complesso e pulito ; unico neo il disinteresse dei proprietari verso la clientela). Naxos è l’isola più selvaggia delle cicladi. Le strade asfaltate sono poche quasi tutte locate nella parte ovest dell’isole dove c’è il capoluogo Hora/ Naxos city; le piste sabbiose sono molte di più e più numerosi sono i sentieri. Pochissime le spiagge attrezzate quasi tutte situate a sud del capoluogo ma avendo letto alcune recensioni su Internet inerente l’isola eravamo preparati; infatti avevamo al seguito un ombrellone. Contrariamente a quanto letto sul web che suggeriva di noleggiare una macchina, abbiamo affittato un motorino (per 9 giorni 90 euro) vista anche la nostra indole avventurosa. Comunque la maggior parte dei turisti era dotata o di auto o di quod .
La parte sabbiosa è situata a sud del capoluogo con le spiagge di Agios Prokopios , Agios Anna e Plaka (6-7 Km da Hora), Mikri Vigla (18 Km da Hora), Kastraki (20 km da Hora) e Pirgaki (21 km da Hora) e vi si arriva in maniera agevole (qualche pista di sabbia la incontrate ma con un minimo di abilità potete farcela) . Eccetto Agios Anna e una parte della Plaka (secondo noi le spiagge di sabbia più belle) non ci sono spiagge attrezzate. Ma sono proprio queste spiagge cui vale la pena andare e per chi è naturalista è tollerato il nudismo. A Mikri Vigla la spiaggia è lunga chilometri ed è soprannominata desert beach in accostamento con paesaggio desertico.
Nella parte settentrionale di Hora siamo andati a Amytis bay (devi entrare nel paese di Galini e continuare) dove la spiaggia è di sabbia ciottolata (a noi non è piaciuta) e Abrami bay (25 km da Hora) una bella caletta (ciottolata) dove al massimo, nel periodo in cui siamo stati, abbiamo incontrato non più di 10 persone. A nord dell’isola e la parte orientale è formata prevalentemente da scogliere a picco sul mare con l’alternarsi di calette idilliache che però è difficile raggiungere perché la strada (l’unica), lascia il passo alla pista o al sentiero che sono troppo scoscesi, e la distanza tra il luogo dove potete fermarvi con il mezzo e la riva è certe volte molto distante.
Con il nostro motorino ci siamo spinti fino ad Apollonas a Nord-est dell’isola (54 Km da Hora) un paese di pescatori dove la scogliera degrada e ci sono alcune piccole spiagge dove poter fare il bagno (non ci sono spiagge attrezzate).
Moutsouna è situata ad est dell’isola ed è un piccolo paese di pescatori con delle pittoresche taverne. Dista 40 Km da Hora ed è facile arrivarci perché è tutta strada asfaltata che parte da Hora e scende fino al paese, attraversando il centro dell’isola con dei tornanti che si arrampicano sul monte Zas (Zeus) che è alto 1000 m..
La sera iniziava la nostra ricerca per individuare la taverna dove avremmo cenato. Avevamo l’imbarazzo della scelta. Sul lungomare di Agios Anna ne esistono parecchie ed alcune carine; ma la zona è battuta da anglosassoni per cui la qualità non è sempre calibrata per i nostri palati a meno che non vogliate accontentarvi.
Naxos/Hora è piena di taverne e ristoranti sia sul lungomare che all’interno; dovete fare una scelta in base a quello che vuoi.
Secondo noi se si vuole mangiare la classica moussaka, lo tzatziki, l’insalata greca o saganaki (formaggio feta impanato e fritto) che sono piatti classici della cucina greca, peraltro relativamente semplici, si può scegliere (dopo un attenta osservazione sui piatti di passaggio) le taverne sul lungomare o quelle dentro la chora con costi sono molto abbordabili (30-35 euro in due).
Se si ricerca qualcosa di più (una bella grigliata di carne, di pesce fresco) è meglio cercare fuori della chora. Non ordinate spaghetti al sugo in tutte le varianti, o risotti ai frutti di mare perché rimarrete delusi.
Non ci sentiamo di suggerire alcun locale in quanto tale suggerimento è molto soggettivo. Inoltre quando siamo andati in una taverna indicata su un sito da un turista abbiamo preso una fregatura sia in termini di qualità che di soldi!
Naxos è l’isola della tranquillità . Non abbiamo visto, a parte qualche locale, discoteche o divertimenti particolari. Crediamo che non sia adatta ad un giovane anche se abbiamo visto molti ragazzi e ragazze, tutti stranieri, e a seguito delle rispettive famiglie.
Per quel che ci riguarda ci siamo molto riposati e siamo rimasti soddisfatti. Secondo noi l'ideale è fare non più di 10 giorni altrimenti vi annoiate (come tutti i posti di mare).
Comunque siamo rimasti molto soddisfatti e i nostri pensieri si focalizzano sulle bellezze dell'isola. Ma quello che ci ha colpiti è il connubio tra il turismo, l'ambiente selvaggio, dove appena fuori Naxos puoi trovare le capre per la strada o il contadino a dorso di un mulo, e lo stupendo panorama.
Guarda le foto

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...