Antonov 148 precipita in Russia - Antonov 148 Crash in Russia

AGGIORNAMENTO AL 15 FEBBRAIO 2018

Gli inquirenti russi hanno completato la decodifica delle scatole nere dell'aereo di linea Antonov An-148. Secondo un comunicato stampa dell'ente dell'Aviazione russa, l' analisi iniziale del registratore DFDR ha dimostrato che il sistema di riscaldamento del tubo di pitot era spento. Normalmente l' accensione del riscaldamento del pitot fa parte delle checklist di routine pre-volo, in particolare quando prevalgono le condizioni climatiche invernali, quindi le indicazioni sulle velocità dell'aeromobile sullo sfortunato volo non erano quelle previste. I dati rivelano che il riscaldamento tubo di pitot è stato acceso nei 15 voli precedenti, ma non nel volo dell'incidente. Il tracciato estratto dalle scatole nere evidenzia che il velivolo, dopo essere stato in volo per 2,5 minuti, volando a 250 nodi a circa 4.000 piedi, ha dimostrato irregolarità nelle indicazioni di velocità. Un disaccordo che stava crescendo gradualmente fino al raggiungimento dei 6.000 piedi, a questo punto i piloti hanno disattivato l' autopilota volando in manuale. 50 secondi più tardi il sensore della velocità dell' aria indicava "zero" nodi con G verticali in aumento. Al momento dell'impatto il sensore di velocità indicava 432 nodi associati ad un angolo nose-down di 30 gradi. Quindi a meno di colpi di scena, la causa dell'incidente dell'Antonov è da imputare ad un errore umano dei piloti che non hanno attivato, forse per dimenticanza, il riscaldamento del pitot. Fonte Jacdec.

According to a MAK press statement, initial analysis of the DFDR recorder showed that the pitot tubes heating system has been turned off on the accident flight. For more information click here.

Tubo di pitot dell'Antonov 148



Un  Antonov AN-148-100, registrazione RA-61704 della Saratov Airlines volo 6W-703 da Mosca Domodedovo a Orsk con 65 passeggeri e 6 membri dell' equipaggio (2 piloti, 2 flight attendants, 2 tecnici), decollato dalla pista 14R  raggiunta un' altitudine di 6400 piedi, per motivi in corso di accertamento, è scomparso dal radar alle ore 14:28 locali (11:28Z). L' aereo poi si è schiantato in un campo a circa 18 miglia  a sud-est dell'aeroporto di partenza vicino al villaggio Stepanovskoye. Non ci sono stati sopravvissuti.

A Saratov Airlines Antonov AN-148-100, registration RA-61704 performing flight 6W-703 from Moscow Domodedovo to Orsk (Russia) with 65 passengers and 6 crew, was climbing out of Moscow's runway 14R when the aircraft reached a maximum altitude of 6400 feet then descended again and disappeared from radar at about 14:28L (11:28Z). The aircraft was subsequently found crashed in an open field about 18nm southeast of the aerodrome near the village Stepanovskoye in Dergayevo in the Ramensky District, no survivors were found. 

L'aereo dopo il decollo (condimeteo visibilità 2100 m.,  nevicate leggere, temperatura -5, ceiling 2600ft AGL) ha virato a sinistra sopra il villaggio di Solomikovo  per 90° a 3800 piedi e a una velocità di 143 nodi, salendo successivamente ai 5525 ft. a 280 nodi e alle 14.25L ha raggiunto i 6400 ft. a 375 nodi. Poi inaspettatamente alle 14.26 si registra una perdita di quota che lo porta a 5800 ft. con una velocità di 286 nodi, e alle 14.27 registra una quota di 5250 ft. a una velocità di 332 nodi con un tack di 87°. L' ultima registrazione alle 14.27 e 30 secondi  lo pongono a  3250 di altitudine, velocità 332 nodi e un track 87°,  per poi scomparire all'improvviso dai radar



L' ultimo contatto sul sito web per il tracciamento dei voli, Flightradar24, è stato alle 14:27 locali. Evidentemente qualcosa deve essere successo, talmente improvvisa, da non aver dato ai piloti il tempo di comunicare con la torre. Alcune voci hanno riferito di un impatto contro un elicottero del servizio postale russo, ma successivamente questa ipotesi è stata smentita. Il Cockpit voice recorder e il Flight data recorder sono stati recuperati e ora sono all'esame delle autorità aeronautiche russe. Un filmato (sotto) ripreso da una telecamera di sorveglianza di una'industria locale ha ripreso il violento momento dell'impatto, dalle immagini sembra che l'aereo stia picchiando contro il terreno. Testimoni nel villaggio russo di Argunovo, dove è precipitato l'aereo, hanno riferito di aver visto il velivolo in fiamme cadere dal cielo. «Qualcosa è esploso sotto un’ala - raccontano i testimoni del villaggio di Stepanovskoje -. E poi ha preso fuoco. E poi c'è stata un'altra esplosione, l’abbiamo vista tutti. Poi l’aereo è caduto».







Il metar alle ore 11.30 (14.30L) dava: UUDD 111130Z 13006MPS 2100 -SN SCT008 OVC026 M05/M06 Q1019 R14R/590293 R14L/590392 TEMPO 1200 SHSN BKN012CB ossia:
Località: UUDD Mosca Domodedovo
Bollettino emesso il giorno: 11, orario 11:30 UTC domenica 11 febbraio 2018 12:30 ora locale.
Vento: Direzione = 130 gradi, velocità: 6 m/s (12 nodi) (22 Km/h).
Visibilità orizzontale minima: 2100 m.
Osservazione meteorologica: Leggera Neve .
Nuvole: Parzialmente nuvoloso (3-4 ottavi), a 800 piedi sopra l'aeroporto (244 metri).
Nuvole: Cielo coperto (8 ottavi), a 2600 piedi sopra l'aeroporto (792 metri).
Temperatura: -5 gradi Celsius (23 Fahrenheit). Punto di rugiada: -6 gradi Celsius (21 Fahrenheit). Umidità relativa 92,67 %. Wind Chill: -12 gradi Celsius (11 Fahrenheit).
QNH (pressione a livello del mare): 1019 hPa (30,09 pollici).
Stato della pista: Pista 14 Destra: neve bagnata, contaminazione da 51% a 100%, il deposito è di 2 mm , l'azione frenante è media.
Stato della pista: Pista 14 Sinistra: neve bagnata, contaminazione da 51% a 100%, il deposito è di 3 mm , l'azione frenante è medio/scarsa.
I seguenti fenomeni meteorologici si presenteranno temporaneamente:
-Visibilità orizzontale minima: 1200 m.
-Osservazione meteorologica: Rovescio di Neve .

-Nuvole: Molto nuvoloso (5-7 ottavi), a 1200 piedi sopra l'aeroporto (366 metri), cumulonembi.



Grafico che mostra il profili di altitudine dell'Antonov 148



Le indagini sono in corso, ma forse non sapremo mai la vera causa dell'incidente in quanto le autorità sono molto restie nel rivelarne le cause che potrebbero dare un'immagine negativa del trasporto aereo russo. In questo caso bisogna evidenziare che l'Antonov 148 ha effettuato il primo volo nel 2004 ed è stato presentato al salone di Le Bourget nel 2007. La vita dell'aereo precipitato è relativamente giovane, il primo volo è avvenuto nel maggio 2010, poi dal 14 aprile 2015 all'8 febbraio 2017 è stato parcheggiato per mancanza di pezzi di ricambio. 



Cockpit Antonov 148-100


Si ipotizza (voci) che la causa possa essere la formazione di ghiaccio sulle ali (sembra che il Comandante abbia rifiutato il deicing prima della partenza), oppure un malfunzionamento di un motore (ma non spiegherebbe la picchiata in quanto anche con un solo motore dovrebbe tenere la quota, quanto meno per tentare un atterraggio di emergenza) o un errore umano. La Saratov Airlines, che possiede una flotta di 6 aerei An 148, ha deciso di sospendere i velivoli Antonov AN-148 in attesa dei risultati dell'indagine sulle cause dell'incidente.  



Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...